Benvenuti nel sito web del Grand Orient de Suisse

logo-gos-2023

Grande Oriente
di Svizzera

Saggezza, forza, bellezza

Insieme per il progresso dell’umanità

I beni culturali al centro del traffico illecito internazionale

Il Grand Orient de Suisse è lieto di invitarvi a una tavola rotonda sulla lotta contro il flagello del traffico illecito di beni culturali.

La lotta contro il saccheggio, il furto e il traffico illecito di beni culturali è una questione importante del nostro tempo. Mentre il traffico di droga, armi o esseri umani è più spesso sotto i riflettori dei media, il traffico di beni culturali prospera, in particolare nelle zone di crisi e di guerra, e alimenta le casse di reti criminali e terroristiche, nonché le collezioni private di dilettanti senza scrupoli.

Le conseguenze per le strutture e i Paesi saccheggiati in questo modo sono di vasta portata e i rischi per la sicurezza internazionale significativi. In questo contesto, come si possono proteggere i beni culturali in tempi difficili? Quali sono i vari meccanismi e strumenti a disposizione delle forze dell’ordine, dei musei e delle istituzioni internazionali dedicate? Come possiamo evitare di acquistare beni offerti sul mercato illegalmente? E infine, perché e come i beni culturali saccheggiati o rubati dovrebbero essere restituiti ai loro Paesi d’origine? Questi sono solo alcuni dei temi che i principali specialisti del settore hanno accettato di discutere con noi in questa tavola rotonda.

Quota di partecipazione: 10 franchi svizzeri. S’inscrire ici.

STAKEHOLDER:

CORINNE CHARTRELLE

Esperto di polizia nazionale in progetti europei – Comandante onorario di divisione di polizia. Ex vice capo dell’Ufficio centrale per la lotta al traffico di beni culturali (O.C.B.C.).

Dopo 20 anni trascorsi al Ministero dell’Interno presso la Direzione Centrale della Sicurezza Pubblica, Corinne Chartrelle è entrata a far parte dell’Ufficio Centrale di Lotta contro il Traffico di Beni Culturali presso la Direzione Nazionale della Polizia Giudiziaria, con l’incarico di occuparsi della protezione del patrimonio e dei reati contro i beni culturali. Qui è stata a capo della sezione operativa, dirigendo le indagini nazionali e internazionali. Dal 2009 al 1° ottobre 2019 ne è stata vice capo. Dal 1° ottobre 2019 è esperta della Polizia nazionale in diversi progetti europei di lotta al traffico di beni culturali all’interno del Centro nazionale di ricerca della Polizia.

Con un Master 2 in Diritto del mercato e del patrimonio, insegna tutela penale delle opere d’arte nell’ambito di diversi master specialistici tenuti alla Sorbona, al Panthéon-Assas e all’Institut Catholique de Paris. È inoltre docente presso l’Institut d’Études Supérieures des Arts, l’École du Louvre, l’École des Archivistes e l’École Supérieure de Commerce de Paris. Ha partecipato a numerosi seminari e corsi di formazione in Francia e all’estero (Libano, Iraq, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Bulgaria, Spagna, Italia, Belgio, Giordania, ecc.) È inoltre diplomata come consulente di sicurezza per i dipartimenti governativi.

JEAN-ROBERT GISLER

Jean-Robert Gisler (Dr phil., privat-docent) è un archeologo la cui principale area di interesse è la tutela del patrimonio culturale. Ha studiato archeologia classica e storia dell’arte e ha conseguito il dottorato e l’abilitazione in archeologia classica all’Università di Friburgo, dove ha anche insegnato per trent’anni, dopo aver diretto per dieci anni la redazione del Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC) di Basilea.

Presidente dell’Associazione svizzera di archeologia classica (ASAC) (1993-1999) e dell’Associazione degli amici dell’arte antica (1997-2016), fino al 2016 ha anche coordinato la lotta contro il traffico illecito di beni culturali presso il Dipartimento federale di giustizia e polizia di Berna, ed è stato nominato esperto ONU in materia. In questa veste ha lavorato a stretto contatto con Interpol, UNESCO e ICOM. Membro dell’Institut du monde antique et byzantin dell’Università di Friburgo, insegna regolarmente archeologia classica e ricerca sulla provenienza presso l’Institut für archäologische Wissenschaften dell’Università di Berna. Membro del comitato editoriale della rivista di archeologia classica Antike Kunst, dal 2010 ne presiede la fondazione a Basilea. Attualmente è responsabile, in qualità di esperto, di diversi dossier di provenienza per le autorità giudiziarie svizzere e per l’Ufficio federale della cultura, e partecipa attivamente alla ricerca e alla restituzione di beni culturali rubati.

MARC-ANDRE RENOLD

Marc-André Renold è professore onorario presso l’Università di Ginevra e dal 2012 è titolare della Cattedra UNESCO di Diritto internazionale per la protezione dei beni culturali presso l’Università di Ginevra. La sua esperienza è ulteriormente rafforzata dal suo ruolo di membro del Consiglio di fondazione di ALIPH (Alleanza internazionale per la protezione dei beni culturali nelle zone di conflitto), che riunisce Stati, partner privati ed esperti, garantendo così una visione pluralista.

Membro dell’Ordine degli Avvocati di Ginevra, fornisce consulenza e rappresenta clienti nei settori del diritto dell’arte e della cultura, della proprietà intellettuale e del diritto internazionale, pubblico e privato (www.renold-gabus.ch). È autore di numerose pubblicazioni (libri, commenti, articoli) nei settori del diritto dell’arte e dei beni culturali e del diritto internazionale.

VINCENT MICHEL

Vincent Michel, professore di archeologia orientale all’Università di Poitiers, ha conseguito un dottorato e un’abilitazione a dirigere la ricerca all’Università di Parigi-Sorbona e una laurea in legge all’Università di Parigi-Saclay.

Archeologo e orientalista, divide il suo tempo tra insegnamento, ricerca e lavoro sul campo, viaggiando e scavando nel Vicino Oriente dal 1994 (Palestina, Giordania, Siria, Iraq, Libano). Dal 2001 si interessa alla Libia, dove dirige la missione archeologica francese dal 2011.

Esperto riconosciuto a livello internazionale nella lotta al traffico illecito di oggetti archeologici in Medio Oriente e Nord Africa, insegna questa materia in diverse università e scuole, tra cui l’Università di Poitiers, Sciences Po Paris e l’Ecole du Louvre.

Spesso chiamato come consulente ed esperto, fa parte della rete di partner delle dogane e delle polizie nazionali e internazionali, nonché dell’UNESCO e dell’ICOM. È autore di numerosi articoli su questo tema e organizza regolarmente eventi scientifici internazionali, riunendo i principali attori in un approccio interdisciplinare e trasversale.

MODERATORE: PHILIPPE BONCOURT

Philippe Boncour è professore agrégé e ha conseguito un dottorato in letteratura. Ha insegnato presso la Scuola di Affari Internazionali di SciencesPo Paris fino al 2022 ed è Senior Visiting Fellow presso l’Università Americana di Beirut. Nel corso della sua carriera, ha sviluppato numerose collaborazioni con istituzioni museali e ministeri della cultura nei vari Paesi in cui si è recato. È stato uno degli artefici del primo incontro mondiale su patrimonio, scienza e tecnologia, tenutosi all’Institut de France nel 2019, e della conseguente Dichiarazione di Parigi.

Da allora, gli è stato affidato il coordinamento e la gestione di numerosi progetti di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale finanziati dal Ministero francese dell’Europa e degli Affari esteri. In particolare, ha avviato e coordinato corsi di formazione interdisciplinari tenuti da esperti riconosciuti e rivolti a dirigenti nazionali iracheni, giordani e libanesi (accademici, archeologi, funzionari di polizia, doganieri e magistrati).